Preparazione e invio dei file per la stampa con InDesign

Autore: Giuseppe Devito | 17-10-2012
Condividi →

Dopo aver concluso lo sviluppo grafico del nostro progetto, dobbiamo far attenzione alle giuste procedure per inviare in stampa il nostro file, cercando di rispettare le regole tipografiche standard.

Esempio, una volta conclusa l’impaginazione di una rivista o di una brochure, prima di inviare il file dobbiamo revisionare alcune aspetti, un primo controllo è quello effettuabile dallo strumento ‘verifica preliminare‘ che InDesign mette a disposizione.

Per far si che questa fase proceda correttamente dobbiamo mettere ordine ai file (immagini e font collegati al progetto), predisponendo il tutto in una singola cartella.

Se la ‘verifica preliminare’ mostrerà errori, sarà necessario raccogliere i file sparsi nel nostro hard disk e raggrupparli in due sotto cartelle una per le immagini e una per i font.

Fatto questo aggiorniamo i collegamenti ai file e assicuriamoci che la verifica non segnali più errori.

Ora creiamo un file di testo con le istruzioni generali del progetto, questo per facilitare il lavoro del tipografo fornendogli indicazioni precise e dettagli da controllare.

Teoricamente i file e le cartelle essenziali per organizzare al meglio un progetto da mandare in stampa sono:

  • Cartella ‘Font’
  • Cartella ‘Immagini’
  • File di testo con le istruzioni
  • File inDesign (.indd)
  • File esportato in PDF

In alcuni casi è preferibile inviare il tutto in formato .pdf ad alta risoluzione, questa è una soluzione pratica e consente di limitare possibili intoppi perché include immagini e font all’interno del file.

I tre errori più comuni

Sono riscontrabili sottovalutando questi 3 aspetti:

  • Abbondanza delle pagine dal vivo
  • Font
  • Risoluzione

Abbondanza delle pagine dal vivo

Quando le immagini e le superfici di colore toccano i margini della pagina è necessario farli sporgere di minimo 0,3 cm al di fuori della pagina.

Font

Inserire sempre i font utilizzati nel progetto come detto in precedenza.

Risoluzione

Accertarsi che la risoluzione delle immagini, foto e illustrazioni sia sempre di 300 dpi.

Il lavoro di un buon grafico è riscontrabile nella creatività e nella gestione dell’intero processo produttivo, il quale parte dalla ricerca di idee, prosegue per la realizzazione e si conclude con la preparazione e l’invio dei file in stampa.

Condividi →

Altri articoli che potrebbero interessarti

Commenta