Facebook spinge per i post sponsorizzati a discapito delle pagine – Case Study

Difficile pensare che tanto impegno e sacrificio possano essere accantonati per via del denaro ma di fatto questo accade, Mark Zuckerberg (CEO Facebook), forse a causa del flop in borsa (a differenza di Twitter), ha decide di spingere maggiormente sui post sponsorizzati a discapito della visibilità di Fan Page che con impegno e dedizione hanno raggiunto migliaia di Mi Piace.

facebook-spinge-per-i-post-sponsorizzati-a-discapito-delle-pagine-case-study

All’evidenza non c’è scusa che regga, pertanto quello che notiamo (e non siamo i soli) dalla gestione delle pagine dei nostri clienti è che il nuovo algoritmo, che regola la visibilità dei feed in home page su Facebook, tende in maggior misura a penalizzare i post che non hanno immediate interazioni.

In pratica, se entro pochi minuti non guadagniamo Mi Piace, condivisioni e commenti abbiamo il destino segnato.

Diverse le segnalazioni e le proteste sul web, come scrive @Skande nel suo articolo, c’è chi si è rivolto in tribunale all’Antitrust come l’editore del sito Calcionapoli24 denunciando che “negli ultimi due anni, da quando si sono quotati in Borsa, hanno abbassato di quattro volte il limite di visibilità”, afferma Silvio Passante in un’intervista a il Messaggero.

Il sospetto della manipolazione porta anche a risultati come questo:

csfb-tdm-ppage-2

Come si nota delle immagini, il brand di Moda “Il Tocco di Minerva” ha lanciato un post nello stesso momento sia sulla Pagina che sul Profilo, la pagina ha attualmente 5358 Mi Piace e il profilo 2.146 amici.

Possiamo anche considerare come reali i dati delle Insights (non metterei per nulla la mano sul fuoco) che “evidenziano” come 750 persone hanno visto il post, certo possiamo anche considerare la variante della casualità, ma non posso pensare che alla luce del doppio dei contatti tra il Profilo e la Pagina corrispondano appena 6 interazioni della Pagina e 40 interazioni del Profilo in riferimento al medesimo Post.

Il sospetto è che il post della Pagina per ottenere visibilità debba di fatto rientrare tra gli sponsorizzati.

Crediamo possa anche essere una casualità come crediamo che Zuckerberg stia spingendo per farci pagare al fine di entrare in contatto con i nostri Followers.

Facciamo anche finta che sia stato casuale quanto denunciato da WeekanGoGO e quanto successo all’editore del sito Calcionapoli24 ma su una cosa non dobbiamo far finta: i Social, a causa dell’incontrollabilità del medium, sono solo un contorno.

Il nostro Business sul web si deve muovere principalmente mediante il nostro sito web e relativi contenuti.

Condividi