Intervista a 4Drink – l’app per saltare la fila nei locali notturni

 19 Febbraio 2019

4Drink promette di risolvere il problema della coda e delle lunghe attese nei locali. Tramite l’app il cliente potrà ordinare il drink che preferisce dal proprio smartphone, quando l’ordine sarà pronto riceverà una notifica e potrà avvicinarsi al bancone del locale per prendere il tutto con calma e serenità.

Ci introduce nel mondo di 4Drink Pasquale Inglese (Founder).

Ciao Pasquale, complimenti per la #StartUp. Ci spieghi semplicemente cos’è 4Drink?

Buongiorno a voi di Tu Comunica e grazie per questa intervista, iniziamo col dire che sono uno dei 3 fondatori di 4Drink insieme a Salvatore Oliverio e Nicola Cestaro. 4Drink è l’app che fa saltare la fila nei locali notturni, quindi sostanzialmente un app che risolve il problema delle code interminabili, delle lunghe attese, del caos e dei pagamenti.

Come nasce 4Drink e come si muove in Italia?

L’idea di 4Drink è stata concepita a gennaio 2018, da allora cerchiamo di portare a termine il nostro progetto e sviluppo lavorando ad ogni dettaglio cercando di creare qualcosa che sia davvero innovativa e che possa portare un vantaggio a chiunque la usi.

Abbiamo scelto la nostra nazione per il lancio e cercheremo di espanderci in tutte le regione, crediamo tanto nel nostro stato e speriamo che i primi feedback sul campo siano davvero positivi, anche se da diversi questionari e analisi effettuate in precedenze la stragrande maggioranza è orientata all’utilizzo di 4Drink

Come funziona e quali i vantaggi per gli utilizzatori?

Il servizio di 4Drink sarà disponibile tramite app per devices iOS e Android, il funzionamento è semplice, la persona che utilizza 4Drink una volta che avrà effettuato l’accesso vedrà nelle vicinanze il locale che per l’appunto utilizza 4Drink e potrà accedere al menu del locale, prenotare i propri drink e scegliere di pagare tramite contanti o circuiti (Visa e Mastercard).

Una volta che avrà fatto ciò il barman riceverà l’ordine e lo preparerà, invierà una notifica al cliente e il cliente stesso si potrà avvicinare nell’apposita corsia di 4Drink e prelevare il suo drink evitando file inutili, prive di senso. I vantaggi? semplice… dal lato del cliente questo conosce in anticipo i prezzi e il menu del locale, può scegliere la modalità di pagamento e soprattutto saltare la fila ovvero uno dei problemi principali e soprattutto motivo per cui nasce 4Drink.

Dal lato del barman/gestore del locale questo avrà le operazioni da compiere molto più facili avendo a che fare con ordini visibili sul proprio smartphone, evitare di urlare, di richiedere resto, incomprensioni con i clienti e svolgere il tutto con calma.

E’ possibile finanziare il vostro progetto?

Siamo in una fase dove ancora non abbiamo preso seriamente in considerazione l’eventualità di avere fonti di finanziamento esterne. Nonostante ciò siamo aperti e disponibili e valutiamo qualunque proposta che ci viene fatta sia in termini di finanziamento che per qualsivoglia ragione, suscitare interesse e possibilità di mettersi in gioco con agenti esterni non può che renderci felici proprio per questo come diciamo sempre siamo reperibili su tutti i contatti che lasciamo sparsi per web e social.

In conclusione e in base alla vostra esperienza quant’è difficile lanciare una Start Up in Italia?

Per esperienza personale posso dire che è molto difficoltoso lanciare una startup. Richiede particolari attenzioni partendo da diversi punti come: Valutazione dell’idea, disponibilità delle risorse sia materiali che non, essere costanti e rispondere alla molteplicità di circostanze si presentano in modo differente da come previsto.

In Italia forse ancor di più poiché non c’è una forte propensione a mettersi in gioco e rischiare, anche perché spesso si vogliono imitare modelli di altri stati dove poi si finisce per imitarli a metà e quella parte imitata lo è pure in malo modo.

Concludo dicendo che sono contento di questo progetto che stiamo portando avanti io e gli altri due soci co-fondatori di 4Drink da soli con le nostre forze, con la nostra voglia e conoscenza e speriamo di ritornarne a parlare fra un po di tempo qui su Tu Comunica con dei progressi sostanziosi.

Condividi