Elaborare contenuti web? Severgnini e gli artigiani geniali

Scrive oggi Beppe Severgnini sul blog del Corriere:

Nella vetrina di twitter ci sono articoli attraenti, prodotti da artigiani geniali. Persone che hanno costruito il proprio successo in loco. Teniamoli da conto, ragazzi così: cambieranno l’Italia per noi, se non saremo noi a cambiare loro. Una cosa, però, non ho capito: perché le aziende non li rincorrano. Che sono svegli, si capisce ogni giorno.

Severgnini parla di giovani autori in grado di produrre contenuti e idee utili per creare opportunità di lavoro.

I clienti leggono i blog, cercano su google i prodotti che vogliono acquistare, e chiedono consigli ai follower su twitter o agli amici su facebook.

Non solo, le ricerche sulle abitudini d’acquisto dei consumatori indicano che tre acquirenti su cinque dichiarano di usare sempre o spesso i motori di ricerca quando fanno acquisti online.

Ciò significa che il segreto per ottenere visibilità è produrre contenuti online ottimizzati affinché possano apparire sulla prima pagina dei motori di ricerca.

Bene, l’idea di pubblicare contenuti per attrarre un certo target, per avviare un dialogo diretto non è una novità, la novità sta nel fatto che un giornalista affermato dichiara su un quotidiano di primissimo piano l’utilità di avvalersi di autori/blogger in grado di elaborare contenuti.

In altre parole: un articolo a firma di uno dei più prestigiosi giornalisti del Corriere mette in risalto le qualità “artistiche” di tanti “artigiani geniali” autori di articoli e post di primissimo piano che meritano di essere rincorsi dalle migliori aziende.

Chiaro, la domanda da porsi adesso è scontata: come creare tali contenuti?

Come sviluppare e condividere informazioni pertinenti e preziose che attraggono lettori trasformandoli da visitatori a nuovi clienti?

Studiando giornalismo ho imparato le regole fondamentali delle 5 W (who, what, when, where e why) a cui ogni articolo deve rispondere per raccontare i fatti.

Le stesse regole ritornano utili per generare i contenuti web. Le cinque domande fondamentali a cui rispondere permettono di focalizzarsi sui clienti e sulle loro esigenze.

A differenza del giornalismo una valida strategia per i contenuti deve iniziare dal perché:

  • Perché creare i contenuti che create? (quali sono gli obiettivi?)
  • Chi è il vostro pubblico? E chi siete voi?
  • Cosa volete ottenere con i contenuti?
  • Quando e come svilupperete i contenuti?
  • Dove li pubblicherete?

Rispettando queste regole è probabile che i vostri contenuti online riescano a stimolare la vostra community, attrarre nuovi clienti, creare visibilità e buzz per la vostra azienda e magari come indica Severgnini vi trasformino in “artigiani geniali” autori di “articoli attraenti” in grado di farvi “rincorrere” dalle aziende.

Condividi  
Iscriviti alla discussione
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

3 Commenti
Più vecchi
Più recenti
Inline Feedbacks
View all comments
Indoorseo
9 anni fa

Concordo sul fatto che in Italia le Aziende non approfittino dei tanti geniali creatori di contenuti online. 

 
Ormai pensare ad un’attività imprenditoriale senza preoccuparsi della gestione dei contenuti per il proprio sito o blog aziendale, per i social network che fanno riferimento alla propria attività, non è possibile. 

GiovanniScarangella
GiovanniScarangella
9 anni fa
Reply to  Indoorseo

I contenuti sono fondamentali!
Le persone online cercano contenuti che siano usabili e utili! 🙂
Speriamo che tutte le aziende capiscano l’utilità di pubblicare contenuti freschi!

trackback

[…] mentale che spinge l’inconscio dei nostri lettori a voler dare la giusta risposta. Titoli come “Elaborare contenuti web?” o “Ma Volunia non era un motore di ricerca?” spingono i lettori a leggere il post. Aprire […]